Vini delle Sabbie – Un tradizione d’eccellenza del basso ferrarese

Il territorio ferrarese è ricco di specialità gastronomiche ineguagliabili, tra queste troviamo i vini delle Sabbie, quattro differenti tipologie di vino prodotte dalle vigne che crescono nel bosco Eliceo. 


Ma andiamo con ordine: si hanno notizie risalenti ai tempi degli Etruschi e dei Bizantini in cui già si attesta la produzione di vini in queste zone così vicine al mare caratterizzate dal terreno sabbioso, dalla temperatura mite, dal forte tasso di umidità e dall’alta esposizione al sole, un mix di condizioni che sono fin da subito risultate ottimali per la coltivazione della vite.

Una manna dal cielo per le terre di questa zona è arrivata con i monaci Benedettini che hanno iniziato un’importante opera di bonifica dei territori paludosi compresi tra Comacchio e Goro. Con questa mossa è stato recuperato molto terreno intorno all’anno 1000 d. C.

Il momento più interessante per questa zona, però, lo si ha nel 1528 d. C., quando gli Estensi si unirono alla famiglia Valois-Orléan combinando il matrimonio tra Ercole II d’Este e Renata di Francia.

La principessa francese portò in dote, direttamente dalla Côte d’Or, alcune delle sue vigne, con il desiderio di impiantarle sul territorio ferrarese. La cosa riuscì egregiamente proprio per le peculiarità di questa zona di cui già si erano accorti Etruschi e Bizantini.

La coltivazione delle vigne e la produzione dei vini delle Sabbie continuò anche dopo la caduta degli Estensi proprio per via della particolarità del prodotto e dalla già molto diffusa consumazione.

La continua ricerca di miglioramento ed al tempo stesso il forte legame con la tradizione hanno portato questi vini a ricevere nel 1989 la certificazione D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata).

Il vino del bosco Eliceo si suddivide in quattro differenti categorie: il vino del Bosco Eliceo Fortana, il vino del Bosco Eliceo Merlot, il vino del Bosco Eliceo Sauvignon, il vino del Bosco Eliceo Bianco.

Per garantire la qualità sempre alta di questi prodotti vengono effettuati due controlli prima dell’approvazione alla vendita. Il primo da parte della commissione della Camera di Commercio, che garantisce che il vino del bosco Eliceo rispetti i parametri per essere denominato D.O.C.; il secondo esame è operato invece dalla commissione del Consorzio di tutela, che esamina i caratteri tipici del vino del bosco Eliceo.